Inaugurazione

botta

L'intervento di Gregorio Botta trasfigura gli spazi di VOLUME! in una dimensione ideale, proiettando lo spettatore all'interno di un percorso iniziatico fatto di visioni immaginifiche, “paradossi meccanici”, capaci di azionare  l'immaginazione e il pensiero. L'artista crea per VOLUME! un  percorso  in cui le  opere agiscono sulle pareti e nello spazio  per mezzo di riflessi e flebili visioni che  sublimano la propria fisicità all'interno  di un movimento capace di generare  flussi di pensiero, in una sorta di   processualità circolare. Un gioco di ombre e moltiplicazioni delle forme, dove la visione ricrea un movimento dialettico che lascia emergere l'essenza interna alle cose, l'armonia che le costituisce. Figure e immagini riflesse, apparenza e materia creano un mondo umbratile, come nella sotterranea caverna platonica. La consistenza della materia, la pesantezza del ferro sono trasposti nella leggerezza del colore come nella trasparenza dell'acqua,  equilibrati meccanismi capaci di instaurare un dialogo tra luce e ombra, tra  visibile e invisibile.

Dal 29 maggio, nella sede degli uffici della Fondazione VOLUME! in via di Santa Maria dell’Anima 15, saranno esposte delle opere di Gregorio Botta. La mostra sarà accompagnata da un catalogo in italiano e inglese con testi di Achille Bonito Oliva, Valerio Magrelli, Giangiorgio Pasqualotto e Gregorio Botta   comunicato_botta